Vaiolet Bonarda – 2019 – Monsupello

Brands:Monsupello

8,80

(1 recensione del cliente)

Vista

vino rosso intenso, con riflessi violacei.

Olfatto

intenso e fine, ricorda molto la viola e piccoli frutti rossi.

Gusto

asciutto, caratterizzato da una buona morbidezza (si percepisce un piacevole residuo zuccherino) che ben accompagna l’equilibrato tannino della Croatina

Abbinamenti consigliati
  • Attribute Primi primi
  • Attribute Salumi salumi
  • Attribute Carne carne
Tipologia: Bonarda frizzante
Produttore: Monsupello
Regione: Lombardia
Zona: Torricella Verzate, Redavalle e Pietra de’ Giorgi
Classificazione: DOC
Annata: 2019
Uvaggio: 100% Croatina
Gradazione: 13%
Formato: 75cl
Vinificazione: La vinificazione ha inizio con la diraspapigiatura, per passare, dopo un periodo di pre-macerazione a freddo, alla fermentazione alcolica. Dopo circa 12 giorni, nella svinatura, si estrae il vino fiore che sarà la base per il Vaiolet. Dopo almeno due travasi ed una stabilizzazione proteica, la Bonarda viene fatta rifermentare in autoclave (previa aggiunta di mosto dolce e lieviti selezionati) per essere poi microfiltrata ed imbottigliata..
Accompagnamento: si può degustare a tutto pasto partendo da un antipasto all’italiana (a base di salumi), con primi piatti abbastanza strutturati (ravioli al sugo, tagliolini ecc.) e con secondi a base di carni bianche o rosse, meglio se cucinate arrosto.

Brand

Monsupello

Oltre un secolo fa, precisamente nel lontano 1893, è nata l’azienda agricola Monsupello, fondata dalla famiglia Boatti sulle colline dell’Oltrepò Pavese, esattamente in località Cà del Tava, nel comune di Oliva Gessi, in provincia di Pavia. Da sempre prettamente a conduzione familiare, l’azienda dispone attualmente di circa cinquanta ettari vitati, dove vengono allevate uve sia autoctone che internazionali. Tra i filari, nel massimo rispetto di quello che è l’equilibrio di ambiente, natura ed ecosistema, ogni pratica agronomica è razionale e adottata in maniera oculata, e le rese per ettaro sono volutamente tenute basse, così da arrivare a raccogliere grappoli strutturati e armonici, in grado di regalare vini altrettanto complessi ed equilibrati. In cantina, ci si avvale delle più moderne strumentazioni tecnologiche, ma i metodi di vinificazione applicati sono quelli tradizionali, e il fine ultimo rimane sempre quello di esprimere e valorizzare al calice tutto ciò che la stagione e il territorio sono stati in grado di esprimere nel frutto. Nascono in questa maniera le oltre 250mila bottiglie annue, di cui circa 60mila sono di Spumante Metodo Classico. Etichette uniche, pensate e ottenute sempre inseguendo l’eccellenza assoluta, quelle di Monsupello, nell’insieme costituiscono probabilmente la gamma più varia e interessante della denominazione dell’Oltrepò Pavese, in cui a brillare sono senza dubbio gli Spumanti Metodo Classico, che da anni ormai fanno della stessa cantina Monsupello una delle aziende italiane appartenenti di diritto al Gotha della spumantistica. Dal Brut al Brut Nature, passando per il Brut Rosé e per i millesimati, si arriva ai bianchi a base di riesling, sauvignon, chardonnay, pinot grigio e müller thurgau, per passare ancora ai rossi “Magenga”, “Vaiolet”, “Great Ruby”, “Monsupé”, “Calcababio”, “I Gelsi”, “Podere La Borla”, “Junior”, “Tango Wine”, “Cipperimerlot”, “3309”, “Pivena”, “Aplomb” e “Mosaico”, e chiudere da ultimo con i distillati: una gamma davvero con cui sbizzarrirsi, ovvero bottiglie da provare una a una senza tralasciarne nessuna.

1 recensione per Vaiolet Bonarda – 2019 – Monsupello

  1. Marco M. (proprietario verificato)

    Ottimo vino, ottima cantina. Venditore affidabile! Consiglio!!!!

Add a review

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *